Welcome to
Il Paese
Ambiente e territorio
I numeri di Coreno
Immagini
Economia
Il Commercio
Il lavoro
L'Agricoltura
L'emigrazione
Le cave di marmo
Eventi
Festa di S. Margherita
Il Palio delle contrade
Manifestazione per la Pace
Links
Il sito del Comune
Il blog di Coreno
Il sito de La Serra
Il blog del binacolo
Il blog di Pino Parente
Il sito di Bloom.com
 
L'acqua di Coreno
“Dal muretto ove siamo seduti, le cisterne sotto sembrano tombe. Una specie di cimitero arabo, perché appunto con mucchi di pietre gli arabi indicano sul terreno il posto in cui seppelliscono. Ma vi sono alberi di acacia a ingentilire il luogo e i ragazzi giocano nel breve spazio che le raccoglie.
Finché arrivano donne e pare che rechino offerte: una infila la mano nel seno e caccia una chiave, si china sulla lastra di ferro che chiude sopra il tumulo, ne fa scattare il lucchetto, la solleva, sale sul rialzo. Un’altra donna le passa un secchio legato a una fune e lei lo cala dentro.
Si sente l’urto contro l’acqua, i ragazzi accorrono e a turno si dissetano bevendo dal secchio tirato su colmo, a grandi bracciate, dalla padrona che poi comincia a riempire le conche, i vasi, i mastelli, i barili posati attorno a lei. Le donne discorrono quietamente; son sicure della propria razione. Ha piovuto molto nei giorni passati e i pozzi sono pieni. Tuttavia mai restano aperti; alcuni sono padronali, altri del municipio e le chiavi di questi custodite dalla guardia comunale.”

(Dante Troisi, L’acqua di Coreno in La Serra, anno I, n. 7-8, luglio-agosto 1961, pag.3)
Archeologia
Cappella di S. Eleuteriio
Cappella di S. Erasmo
I pozzi di Coreno
Chiesa di S. Sebastiano
Torelongo
La stele funeraria romana
Storia
Home
Chiese e Cappelle di Coreno
Don Giuseppe La Valle
L'assalto delle donne al Comune nel1934
La guerra
La scoppettata
Lo Statuto di Coreno del 1614
Storia di Coreno
Cultura
Domenico Adriano
Cherubino Coreno
Eliseo Belmonte
Tommaso Lisi
Antonio Corte