Welcome to
Il Paese
Ambiente e territorio
I numeri di Coreno
Immagini
Economia
Il Commercio
Il lavoro
L'Agricoltura
L'emigrazione
Le cave di marmo
Eventi
Festa di S. Margherita
Il Palio delle contrade
Manifestazione per la Pace
Links
Il sito del Comune
Il blog di Coreno
Il sito de La Serra
Il blog del binacolo
Il blog di Pino Parente
Il sito di Bloom.com
 
Un paese di emigranti
Il fenomeno dell'emigrazione, tipico di tutto il meridione d'Italia, non ha risparmiato neanche Coreno che ha contribuito con diverse ondate migratorie, prima verso gli Stati Uniti e l'America del sud, poi, tra gli anni '50 e '60 verso la Svizzera e la Germania.
Le rimesse in denaro degli emigranti costituirono per decenni un importante mezzo di sostentamento per chi restava in paese a strappare magri frutti dalla sua arida terra. Il flusso migratorio si è interrotto intorno agli anni '70 con l'apertura dello stabilimento FIAT di Cassino che assorbì molta
manodopera giovanile e poi con l'apertura delle cave di marmo che trasformarono l'impianto agricolo dell'economia del paese in un disordinato sviluppo industriale e artigiano.
Archeologia
Cappella di S. Eleuteriio
Cappella di S. Erasmo
I pozzi di Coreno
Chiesa di S. Sebastiano
Torelongo
La stele funeraria romana
Storia
Home
Chiese e Cappelle di Coreno
Don Giuseppe La Valle
L'assalto delle donne al Comune nel1934
La guerra
La scoppettata
Lo Statuto di Coreno del 1614
Storia di Coreno
Cultura
Domenico Adriano
Cherubino Coreno
Eliseo Belmonte
Tommaso Lisi
Antonio Corte